Obiettivi e figure professionali

Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea Magistrale in Management, Innovazione e Finanza (MIF) è un percorso formativo unico che ha l’obiettivo di fornire conoscenze e competenze innovative nelle principali aree funzionali aziendali, nonché la missione di aiutare gli studenti ad acquisire le conoscenze, le abilità e l'atteggiamento necessario per operare in contesti turbolenti e sempre più volatili, come imprenditori, come manager, o come consulenti.

Attraverso un approccio di apprendimento “learning by doing” basato su simulazioni, business game, casi aziendali, role playing, testimonianze, e soprattutto field project con aziende del territorio, i laureati svilupperanno capacità avanzate di analisi e interpretazione dei diversi contesti aziendali e di gestione della complessità e dell’innovazione, nonché capacità analitiche e pragmatiche di gestione.

Gli obiettivi formativi cambiano secondo il percorso di studi scelto

1. Management ed Innovazione l’introduzione di corsi focalizzati sulle competenze maggiormente richieste dal mercato – per esempio, sull’innovation management, sull’entrepreneurship, sulla gestione del cambiamenti, sul governo della sostenibilità e la sociologia dell’innovazione – consente al corso di laurea magistrale in Management, Innovazione e Finanza (MIF) con indirizzo in “Management ed Innovazione” di fornire una preparazione di livello avanzato relativamente alle principali aree manageriali aziendali trasversalmente in diversi settori, tra cui project management, marketing, organizzazione, amministrazione e controllo, e la capacità per gestire e introdurre diversi livelli di innovazione aziendali.

Il laureato quindi in grado di operare come junior manager in diversi contesti di impresa, all’interno di diverse funzioni, sfruttando la sua preparazione diversificata e la capacita’ di integrazione in una visione strategica innovativa. Può anche attivare, sulla base di tali capacit, start-up o ricoprire ruoli di consulente esterno nei confronti delle imprese.

 

2. International Business e Finanza (IBFI),

Il corso di studi Management, Innovazione e Finanza (MIF) con indirizzo in “International Business e Finanza” intende sviluppare competenze e capacità specifiche alternativamente nelle principali aree della finanza e dell’international business.

Gli studenti che sceglieranno un percorso più focalizzato sulla finanza, svilupperanno competenze in tutte le aree chiave della finanza con l'obiettivo di formare figure professionali idonee a inserirsi nelle varie aree di business degli intermediari finanziari (commercial, corporate e investment banking) in qualità di analista, gestore di portafoglio, trader. Saranno inoltre acquisite le competenze necessarie a inserirsi nelle aree della misurazione e della gestione del rischio e della pianificazione finanziaria sia all'interno di imprese commerciali che di intermediari finanziari.

Le principali funzioni e competenze degli specialisti in attività finanziarie internazionale sono:

  • esame, analisi ed interpretazione delle informazioni finanziarie e contabili per formulare pareri, preparare indicazioni proposte su questioni finanziarie;
  • sviluppo e conduzione di transazioni finanziarie assicurando la conformità con le leggi e i regolamenti;
  • analisi quantitative su programmi e piani di investimento per imprese, banche e organizzazioni finanziarie;
  • determinazione del grado di rischio nel fornire crediti a persone o organizzazioni operanti in diversi contesti di mercato;
  • valutazione per la corresponsione di prestiti e le condizioni della loro garanzia e restituzione;
  • problem solver per questioni riguardanti le dinamiche che governano il funzionamento dei mercati, la gestione dei rischi
  • finanziari e la gestione degli strumenti finanziari;
  • definizione di strategie e attività finanziarie per imprese di diverse dimensioni e settore merceologico.

 

    Gli studenti che sceglieranno un percorso più focalizzato sull’international business svilupperanno conoscenze e competenze peculiari all’ambito dell’internazionalizzazione delle imprese (processi operativi, strategie, modalità di gestione delle decisioni internazionali). L’obiettivo è formare figure professionali idonee ad essere inserite in aziende che intendono o che sono già internazionali, quali piccole medie imprese, multinazionali, enti di sviluppo internazionale.

    Per il percorso di international business, gli studenti saranno in grado di sviluppare:

    • Capacità di prendere decisioni in condizioni di incertezza
    • Abilità di valutare le conseguenze derivanti dall’operare in contesti competitivi caratterizzati dalla multiculturalità
    • Abilità di gestire le peculiarità derivanti dalla globalizzazione e dalla forte interconnessione di tutti gli attori del sistema economico
    • Capacità di acquisire dati e informazioni e di valutare come utilizzarli nel contesto altamente mutevole delle imprese internazionali
    • Capacità di presentare e comunicare in modo efficace ed efficiente con gli stakeholder rilevanti per le imprese internazionali

     

    Nel corso degli studi saranno utilizzati strumenti di didattica attiva quali simulazioni, business game, presentazioni di casi aziendali, testimonianze di esponenti aziendali, lavori di gruppi per consentire l'approfondimento su tematiche di attualità e di rilevante interesse economico finanziario. La didattica utilizzata consente, in particolare, una sovrapposizione tra approcci teorici e operatività d'azienda che oltre a favorire un continuo confronto, consentiranno l'acquisizione di competenze e professionalità spendibili in diversi contesti aziendali. 

    Sbocchi occupazionali e professionali

    1. Management ed Innovazione

    Tra i principali sbocchi occupazionali si segnalano:

    • imprenditori e responsabili di piccole aziende operanti in diversi contesti di mercato
    • human resource manager e gestione delle relazioni industriali in diverse tipologie di imprese
    • marketing manager
    • key account manager
    • imprenditori in aziende di famiglia e nuove imprese
    • project manager
    • manager e/o junior manager in marketing
    • manager e/o junior manager in digital marketing
    • sales manager
    • consulente nelle diverse funzioni d'impresa

    In particolare:

    • nelle grandi aziende il laureato può inserirsi tanto nelle diverse funzioni specialistiche aziendali (marketing, finanza, produzione, strategia competitiva, gestione, elaborazione delle informazioni, sistema informativo, gestione del personale) quanto in ruoli che richiedono conoscenza interfunzionale e attitudine al cambiamento: attività tipicamente di staff e di supporto alla Direzione generale
    • nelle piccole medie aziende il laureato può svolgere ruoli di assistenza agli imprenditori e ai responsabili funzionali;
    • nelle società di consulenza aziendale il laureato è impiegato tipicamente nei ruoli di business analyst e assistant consultant;
    • nelle aziende di famiglia e nuove imprese il laureato potrà facilmente accedere  a team imprenditoriali impegnati nella nascita o nello sviluppo di una nuova impresa.

     

    2. International Business e Finanza (IBFI)

    Il corso di studi Management, Innovazione e Finanza (MIF) con indirizzo in “International Business e Finanza” intende sviluppare competenze e capacità specifiche alternativamente nelle principali aree della finanza e dell’international business.

    Gli studenti che sceglieranno un percorso più focalizzato sulla finanza, tra i principali sbocchi occupazionali si segnalano:

    • - risk manager in imprese di diversa dimensione e settore industriale;
    • - esperto analista finanziario in imprese di diversa dimensione e settore industriale;
    • - responsabile finanziario in imprese di diversa dimensione e settore industriale;
    • - inserimento in team manageriali di banche, assicurazioni, agenzie immobiliari e di intermediazione finanziaria internazionale;
    • - attività di consulenza finanziaria indipendente;
    • - inserimento in autorità di vigilanza;
    • - family office.

    Gli studenti che sceglieranno un percorso più focalizzato sull’international business, i principali sbocchi professionali sono aziende che operano e/o che intendono operare in oltre i mercati nazionali di riferimento nonché presso enti istituzionali che supportano le imprese nell’accesso a nuovi mercati internazionali. Tra i principali sbocchi professionali di riferimento rientrano:

    • Import/export manager presso piccole medie imprese e multinazionali
    • International analyst presso enti di ricerca e associazioni industriali
    • Consulenza a imprese che intendono internazionalizzarsi
    • Inserimento presso enti governativi di sviluppo internazionale